La verità sul FONDO PERSEO SIRIO

#QuadriPA #AlteprofessionalitaPA #DirigentiPA #iscrittiprotagonisti #piccoleazionigrandicambiamenti #insiemevaliamodipiù

Con un comunicato, privo di firme, le sigle confederali dai grandi numeri attaccano frontalmente Confintesa, accusandola di diffondere “bugie e falsità”.
Appare davvero singolare che di fronte ad un danno per i lavoratori evidenziato dal nostro sindacato, altre sigle si siano profuse in una difesa d’ufficio del Fondo da fare impallidire persino il “più realista del re”.
Detto ciò, al di là delle affermazioni rassicuranti e propagandistiche tese a sminuire o addirittura negare le problematiche attuali, non possiamo che ribadire e dimostrare le criticità già rilevate, perché è nostro uso e costume acquisire sempre informazioni e documenti, prima di scrivere.
In particolare, l’affermazione falsa è quella di Cgil – Cisl – Uil quando affermano che la problematica inerente il mancato versamento della quota a carico del datore di lavoro è stata risolta con la conversione in legge del D.L. 104/2020.
Prova ne è una risposta pervenuta dalla stessa segreteria del Fondo Perseo Sirio ad una richiesta esplicita di i un nostro iscritto che riportiamo testualmente:

Da: Contatta Perseo Sirio <ContattaPerseoSirio@previnet.it>
Date: mar 23 feb 2021 alle ore 17:02
Subject: R: Richiesta credenziali Area Privata
To: G*******I*****

Grazie per aver contattato Assistenza Perseo Sirio

Buongiorno.
La informiamo che anche la quota del datore di lavoro verrà conteggiata mensilmente.

Per quanto riguarda invece il versamento al fondo, il disposto normativo introdotto all’art. 1, c. 269, della legge 145/2018 (legge bilancio 2019), ha semplificato, a partire dall’anno 2019, le procedure di versamento del contributo datoriale al fondo pensione Perseo Sirio dei dipendenti statali, che deve essere versato al fondo pensione con le stesse modalità previste per il versamento del contributo a carico del lavoratore, subordinando però la concreta applicazione del dispositivo all’emanazione di un Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, atto a ripartire le risorse disponibili tra le amministrazioni interessate. Prima dell’entrata in vigore della norma succitata, il contributo datoriale delle amministrazioni statali datrici di lavoro veniva versato dall’Inps, che acquisiva le provviste finanziarie dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e, successivamente, sulla base delle denunce mensili delle amministrazioni statali stesse, determinava l’ammontare del contributo e lo versava al fondo pensione. Questa procedura ha determinato criticità tali da incidere sui tempi di investimento e sulla tempestiva attribuzione delle risorse in capo alle singole posizioni individuali degli associati e da indurre il legislatore alla sua revisione, anche in virtù dell’impegno profuso al fine dal Fondo.

Il Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze ad oggi non è stato emanato. L’attuale mancata emanazione, combinata con l’abrogazione della norma che regolava la precedente modalità di versamento del contributo a carico datoriale, ha di fatto creato un buco normativo e, nei versamenti aventi competenza 2019 e 2020 effettuati dalle Amministrazioni statali interessate, per il tramite del Mef, è assente la quota contributiva datoriale.

Fondo Perseo Sirio, rammentando che le risorse demandate al fine sono disponibili e che trattasi di problematica esclusivamente procedurale inerente le modalità di versamento dei contributi, si è impegnato e si sta tutt’ora adoperando per la definitiva risoluzione nel più breve tempo possibile.(….)

Distinti saluti
Assistenza Perseo Sirio

Com’è facile verificare la comunicazione è di appena un mese fa e smentisce quanto affermato dai sindacati confederali in replica al nostro comunicato. Come se non bastasse, prima di sollevare il “polverone”, abbiamo chiesto informazioni all’Agenzia delle Entrate che ha risposto invocando una problematica procedurale ma non smentendo l’esistenza del problema.

Da: “DC RUO RELAZIONI SINDACALI E NORMATIVA DEL LAVORO” dc.ruo.relsindacalinormativalavoro@agenziaentrate.it
A: “Confintesa Fp” entrate@confintesafp.it

Cc: “DC RUO PENSIONI” dc.ruo.pensioni@agenziaentrate.it,”DC RUO STIPENDI” dc.ruo.stipendi@agenziaentrate.it

Data: Fri, 19 Mar 2021 09:32:31 +0000

Oggetto: Fondo Perseo

In riferimento a quanto segnalato da codesta O.S. con la nota allegata, si rappresenta che, sulla base delle informazioni fornite dal Fondo Perseo, la questione è all’attenzione del MEF e dello stesso Fondo Perseo che ha altresì precisato che trattasi di problematica esclusivamente procedurale, inerente le modalità di versamento dei contributi, e che si è impegnato, e si sta tutt’ora adoperando, per la definitiva risoluzione nel più breve tempo possibile.

Cordiali saluti.

Ci sorge un dubbio: forse le grandi sigle dovrebbero prestare più attenzione alla reale situazione degli iscritti al fondo e non limitarsi a difese aprioristiche delle ragioni del datore di lavoro?

Oltre a ciò, appare curioso che i suddetti sindacati, in precedenti comunicati, qualificavano l’introduzione del sistema del silenzio–assenso per i lavoratori assunti dal 01/01/2019, un grandissimo risultato ed oggi, gli stessi, affermano che l’adesione al fondo è libera e volontaria.

In sintesi: elogio della libera adesione ma … attraverso il silenzio assenso!

Per quanto ci riguarda Confintesa vigilerà sull’attività del fondo, continuerà a dare fondate informazioni e non permetterà l’ennesimo sacrificio delle ragioni e dei diritti dei lavoratori.

                                                                                     Il Segretario Generale
                                                                                     (Claudia Ratti)

FLASH 2021 N 6 REPLICA FONDO PERSEO SIRIO

 

 

 

 

Redazione
Segreteria

Una Risposta a “La verità sul FONDO PERSEO SIRIO

  • Buonasera. Secondo Voi, con queste problematiche, è possibile recedere dal Fondo?