SI TORNA A PARLARE DI EFFICIENZA DELLA P.A.

favole

E dobbiamo ascoltare altre favole

Lunedì 26 agosto il Governo ha varato una serie di norme che riguardano la P.A. che hanno fatto gran rilievo sulle prime pagine dei giornali e dei TG.

Noi, che nella PA ci viviamo e la conosciamo più dei politici e dei ministri, possiamo legittimamente fare qualche osservazione in merito.

La “sanatoria sui precari” è roba datata e preannunciata alle OO.SS. da mesi. In effetti da anni si va avanti a rinnovi di sei mesi, mentre stavolta si è voluto scegliere una soluzione apparentemente definitiva: il Concorso con riserva di posti.

Una soluzione che non accontenterà tutti ma che almeno mette un punto fermo a questa sarabanda di rinvii e proroghe. Ora si aprirà la partita della attuazione e non sarà cosa semplice.

Le novità contenute nel decreto sono altre:

1)    Questo Governo prenota l’assunzione di 120 raccomandati di alto livello: “Faremo 120 assunzioni qualificate di alto livello: persone di esperienza europea”. E questo con la scusa di voler sfruttare completamente i fondi strutturali europei che, per qualche motivo, misterioso ma non tanto, l’Italia non riesce mai a utilizzare completamente.

2)    “Il taglio del 20% di tutte le auto blu”.

Se fossero state realmente tagliate le auto blu tutte le volte che questo è stato detto dai vari governi che si sono succeduti negli ultimi 20 anni, adesso anche il Presidente della Repubblica andrebbe in autobus.

E invece si tratta di un ulteriore annuncio propagandistico che non tiene conto, volontariamente, della differenza tra auto di servizio, di rappresentanza, per la sicurezza, contratti di noleggio… Insomma ogni Capo, sottocapo, vicecapo o chiunque sia vagamente a capo di un ufficio di livello dirigenziale di  prima fascia, fruirà ancora di autista a disposizione a nostre spese (dichiarate dallo stesso governo corrispondenti a 1 miliardo di euro). E se teniamo conto che proprio in Presidenza del Consiglio (a casa di Letta insomma) vi sono 2300 dipendenti e 400 dirigenti, tra cu diversi Capi Dipartimento che hanno sotto di loro solo alcune unità di personale, ci rendiamo conto di quanto sia ridicolo questo nuovo taglio.

3)    L’ammissione della spesa per le consulenze. Lo stesso Governo ammette che per consulenze si spendono ulteriori 1,2 miliardi di euro e minaccia di farle pagare ai dirigenti che le hanno autorizzate.

Ma il problema (che è noto anche al Ministro) è strutturale: La Funzione Pubblica non ha alcuna autorità impositiva sulle PA perché sono regni il cui monarca assoluto (Presidente, Capo Dipartimento, Direttore …) è assolutamente autonomo nelle sue scelte ed è impossibile da sanzionare, a meno che non la faccia proprio grossa e davanti a molti testimoni.

A fronte di un rinnovo del Contratto (che costerebbe circa 3 miliardi), si spendono 2,2 miliardi per scarrozzare migliaia di dirigenti, talvolta con parenti annessi, e per pagare profumatamente consulenti di cui la PA può fare tranquillamente a meno.

Per finire, ma giusto per ricordarlo, domandiamoci: Cosa ha fatto davvero Letta per tagliare i costi della politica?

Quali provvedimenti ha messo in atto per togliere i privilegi della Casta, per ridurre il numero dei parlamentari, per le pensioni d’oro, e tanto altro ancora?

Letta si vanta tanto dei decreti-legge che il CdM è stato capace di varare, ma non serve un’analisi attenta per capire che alla Casta, finora, non è stato tolto proprio niente.

Segretario Generale
Francesco Prudenzano

17 Risposte a “SI TORNA A PARLARE DI EFFICIENZA DELLA P.A.

  • Emi
    6 anni fa

    Sono d’accordo con Various: prima o poi falliremo, ma per ora subiamo e non ho ben capito se continuiamo a subire perchè, eufemisticamente, non siamo ancora troppo poveri o perchè siamo altro….
    Sarebbe opportuno essere uniti nel denunciare la cattiva gestione del personale sia nel pubblico che nel privato , ma spesso, coraggiosamente, si mandano avanti gli altri ( da evitare se cadono in disgrazia) e si continua a salire sul carro dei grandi, ritenendoli vincitori.

  • Gianluca
    6 anni fa

    Ma chi come me lavora da 6 anni con P.IVA che deve fare,morire di fame?Hanno scatenato una guerra tra poveri.Vediamo il sindacato cosa farà,se starà alla finestra a guardare.

  • Giulio
    6 anni fa

    Ma dei famosi “Enti inutili” non si parla piu’? Prima delle Province esistono centinaia di Enti che servono solo a dare stipendi e consulenze agli “Amici” Se voglio tagliare veramente gli sprechi non e’ difficile capire dove. Il problema e’ solo di volonta’ politica. Giulio – Potenza

  • ivano
    6 anni fa

    a mio avviso il sindacato dovrebbe
    denunciare questi scandali,auto blu,
    e consulenze,tagli minimi come previsto, alla stampa nazionale
    se occorre anche a pagamento,per far
    capire ai cittadini che ancora una volta i politici li hanno presi in giro.

    • La cosa è più semplice e più complessa. Tutti coloro che girano attorno al potere sanno più o meno tutto. Nessuno di loro ha interesse a fare una denuncia seria. Tutti gli altri, che non sanno, si rifiutano di approfondire e non hanno alcuna voglia di darsi da fare per intervenire…. Risultato? Non possiamo far altro che fallire, è solo questione di tempo.

  • alessandro
    6 anni fa

    c’è ben poco da commentare,ma una volta ascoltate le “favole”,bisogna con praticità essere concreti facendo delle proposte alternative come parte sociale

  • elio.puxeddu
    6 anni fa

    loro non si tagliaeranno mai niente, hanno fatto un gran casino ora sull’imu, nascondendo di fatto una tassa che è passata in sordina a tutti tranne che a noi cittadini ” La TARES”. E’ aumentata rispetto alla TARSU di circa il 300%. Ditemi ora dove siete voi sindacati, perchè non l’avete contestata ; questa si che è un vero salasso.

    elio puxeddu

  • cinzia
    6 anni fa

    Non c’è molto da commentare, gli imperatori romani non si toglieranno nulla dalla bocca, nè dalle tasche………….

  • silvia
    6 anni fa

    continuano a prenderci in giro,loro non si priveranno di nulla . Bisogna ribellarsi non andando a votare.Silvia

  • Agostino
    6 anni fa

    Non hanno ancora capito (leggi non vogliono capire) che gli sprechie e le spese improduttive sono al centro e non nelle periferie: basti pensare che per Montecitorio nei primi sei mesi del 2013 la spesa è salita di quattro milioni rispetto al 2012. Lacrime e sangue per enti locali, uffici pubblici territoriali e sedi produttive che già risparmiano su tutto, ma i prìncipi romani e le loro corti spendono e spandono come e più di prima.

  • domenico
    6 anni fa

    E’ semplicemente vergognoso non aver messo in atto alcun valido e concreto provvedimento per togliere i privilegi della Casta, per ridurre il numero dei parlamentari, per le pensioni d’oro, e per tanto altro ancora.

  • Teresa
    6 anni fa

    Cominciassero a mantenere le promesse fatte a chi è passato di livello solo giuridico e non economico…..e quelle graduatorie di idonei?…..perchè bandiscono nuovi concorsi?

    • Dicono che con questo Decreto ci sarà l’assunzione prioritaria di tutti i vincitori di concorso e degli idonei appartenenti alle graduatorie approvate dal 1° gennaio 2008. Anche l’On. DAMIANO (Commissione Difesa) appoggiava una proposta di Legge in merito prima di bandire nuovi concorsi perdendo ancora tempo per effetto della spending review sottoscritta dal PD e PDL.

  • Laika
    6 anni fa

    Gli uffici periferici da accorpare e il personale da tagliare dove sono rimasti?

  • francesco
    6 anni fa

    cominciassero a tagliare dove davvero si spende troppo…intercettazioni e noleggio

    • Benni
      6 anni fa

      Francesco……ma che dici? Le intercettazioni danno fastidio a chi commette i reati e, oltrettutto, se legittime (= secondo legge), sono coperte da ampie garanzie sulla privacy (oltre le forze dell’ordine, almeno due giudici devono ritenere che possano essere utili per acquisire le prove di gravi reati!) . Non ti rendi conto che tira fuori il problema dei costi delle intercettazioni chi è potere forte e vuole coprire i gravi reati (vedi mafia e riciclaggio di denaro sporco)? Spero tu non sia un giovane che non ha capito, ma un avvocato in malafede o uno che vuole coprire le proprie malefatte!!! E’ proprio grazie a costoro che l’Italia va a rotoli! Benni.