QUOTA 100: arriva dalla Corte dei Conti l’ok alle ferie durante il preavviso

Noi di Confintesa FP abbiamo sollevato da mesi il problema dell’ interpretazione, restrittiva, fatta da alcune Amministrazioni che negavano le ferie ai lavoratori che hanno colto l’occasione di dimettersi con “quota 100”.

Un’applicazione letterale della norma che stravolgeva il contenuto delle disposizioni contrattuali con effetti palesemente penalizzanti per il lavoratore e paradossali per la stessa Amministrazione che, di fatto, avrebbe dovuto sborsare il corrispettivo delle ferie maturate negli ultimi 6 mesi e non suscettibili di fruizione, anche per ragioni indipendenti dall’ organizzazione del lavoro.

La Corte dei conti, Sezione regionale di controllo per il Molise, con la deliberazione n.98/2019/PAR, confermando la nostra interpretazione, ha autorevolmente chiarito che è onere delle Amministrazioni programmare le attività per favorire la fruizione delle ferie da parte dei dipendenti e, allo stesso tempo, valutare se, in concreto, sussistano i presupposti che legittimano la corresponsione di trattamenti economici sostitutivi di ferie non godute, al fine di scongiurare il rischio di procedere ad una monetizzazione non consentita.

La Corte cita difatti la Corte Costituzionale che con la sentenza 95/2016 ha confermato le prime interpretazioni della Ragioneria generale dello Stato e dal Dipartimento della funzione pubblica, nonché gli orientamenti della magistratura contabile in sede di controllo, chiarendo che la natura settoriale della nuova disposizione, “introdotta al precipuo scopo di arginare un possibile uso distorto della “monetizzazione” e mirante “a riaffermare la preminenza del godimento effettivo delle ferie, per incentivare una razionale programmazione del periodo feriale e favorire comportamenti virtuosi delle parti nel rapporto di lavoro”, non può porsi “in antitesi con principi ormai radicati nell’esperienza giuridica italiana ed europea”.

Nel rimandare ad un’attenta lettura del parere della Corte dei conti, che mettiamo a disposizione di tutti i colleghi, auguriamo un buon lavoro.

Segretario Generale
(Claudia Ratti)

I commenti sono disabilitati.